Accedi/Registrati    Contatti
CONSIGLI PER UNA BUONA MANUTENZIONE

COME MANTENERE IN SALUTE I TUOI TAPPETI
E' MOLTO IMPORTANTE ED ECCO I NOSTRI CONSIGLI 

Spesso l'uso scorretto di alcuni strumenti di pulizia o detergenti non appropriati procurano al tappeto danni irreparabili. Voglio darti alcuni consigli che altro non sono che le risposte a tutte le domande che i clienti ci pongono.

Sia ben chiaro che questi consigli non sostituisco lavaggio e restauro professionali, ma ti aiutano certamente ad averne meno bisogno. Risultato: avrai un notevole risparmio ed una casa più bella senza spendere un euro.

Come conservare i tappeti per brevi o lunghi periodi
Questa è una domanda che i noctri clienti ci hanno mille volte. Vediamo quali sono le precauzioni.
Il tappeto deve essere veramente pulito: inutile impazzire, a casa non è possibile; ti serve una buona azienda.
Arrotola bene il tuo tappeto affinchè si conservi senza deformarsi.
Come mettere via il tappeto per un periodolungo ? è meglio piegato o arrotolato?
Per motivi di spazio a volte il tappeto viene piegato e lasciato così per lungo tempo. È un errore che può costare caro soprattutto se si tratta di un tappeto antico o con il vello normale.  Se riponi il tappeto piegato, ti farà orrende pieghe. A parte le pieghe, se hai dei tappeti antichi possono proprio danneggiarsi nelle strutture, indebolirsi e fare dei bei tagli. Se sono nuovi ed hanno abbastanza vello, questo si schiaccia e diventa brutto da vedere. Quindi arrotolate sempre il tappeto e non piegatelo mai per lunghi periodi.
Lo metto nella carta  da giornale o nel nylon ?  Non serve a nulla usare la carta dei giornali contro le tarme: l'inchiostro di stampa non è più quello di 50-60 anni fa: sapeva di petrolio e le tarme scappavano. In Turchia usano usano il petrolio per antitarmico, solo che così i tappeti prendono un odore terribile, diventano oleosi e si sporcano in un baleno. Quindi Chiudilo in un sacco tubolare di polietilene con all'interno dell'antitarmico, anche se è stato lavato di recente, e mettilo nel luogo più fresco possibile, senza umidità e se c'è luce diurna è ancora meglio.Questo per una maggiore sicurezza se deve stare un tempo indeterminato.
Importante : Fagli prendere aria.  Almeno ogni sei mesi ti consiglio di aprirlo, controllarlo e fargli prendere aria per alcune ore.

La lanugine sul tappeto appena acquistato.
Non spaventatevi, il tappeto è nuovo, ed è stato appena rasato: naturale che i primi tempi perda un po' di lanugine.
Se è di buona qualità sparirà in breve tempo. Se non lo è continuerà a perdere lanuggine per sempre. I tappeti fatti con cascame di lana riciclata danno questo risultato, ma se avete uno di questi dovreste aver speso molto poco (forse).

Se scorgete un filo volante... non strappatelo!
Mostratelo al vostro negoziante di fiducia, o meglio ancora contattateci, siamo sempre a vostra disposizione.

L'usura.
Non lasciate il tappeto sempre nella stessa posizione altrimenti si consuma sempre nelle stesse zone. Ripartitela su tutta la superficie cambiando il verso del tappeto una o due volte l'anno.

Ammaccature del vello a causa dei mobili
Mettete dei tondini di feltro sotto le gambe dei tavoli o dei mobili. Un foglio di compensato nel caso di marmo o pietra. Se avete poltrone, tavoli, ecc. con piedini molto piccoli cercate di aumentarne la base di appoggio mettendoci sotto un oggetto robusto che ne aumenti la superficie, come può essere, ad esempio, un tappo in acciaio od ottone rotondo o quadrato a seconda della forma del piede.

Come evitare certe ammaccature del vello
Non lasciare sempre perfettamente nello stesso punto una poltrona un tavolino da salotto, ecc. è sufficente spostarlo di qualche centimetro ogni tanto ed il vello si riprende.

Il vello si è ammaccato, come fare. Semplice
Prendi il ferro da stiro ed una spazzola e lo stiri con il vapore pettinandolo per il suo verso senza posarci sopra il ferro.
In pratica devi solo sfruttare il vapore. Certi tappeti si possono proprio stirare, ma non tutti quindi ti consiglio di procedere per gradi: prima solo vapore poi appoggiandolo appena pettinando.

Il tappeto scivola e si sposta sempre.
Evidentemente serve metterci sotto l'antiscivolo. Se il tappeto non scivola è tutto a posto, ma se scivola è molto pericoloso e qualcuno si potrebbe far male In commercio se ne trovano di vario genere, di solito in lattice, gomma ecc.
Quelli in gomma hanno un brutto difetto: lasciano un segno sul pavimento che non va più via. Gb-rugs propone da sempre un antiscivolo esclusivo, che puoi acquistare anche online e ordinare su misura, che non lascia alcun segno sui pavimenti, ma non solo: ti protegge il tappeto dall'usura, cosa non meno importante dell'evitare brutte cadute.

Mobili sul tappeto
Non spostate il tappeto con sopra tavoli o mobili, si potrebbe strappare!

La cera.
Non incerate troppo la parte di pavimento sotto i tappeti.
L'eccesso di cera può rovinare il tappeto e sporcarlo più in fretta.Il fango.

Per proteggere
Mettete uno zerbino all'uscio e un tappeto non delicato all'ingresso.

Il cane e il gatto
Fate attenzione che non rovinino il vostro tappeto con le unghie! Non solo, dovete fare molta attenzione anche alla pipì: l'urina macchia, brucia e disperde i colori e la lana, l'odore è notevole e molto difficile da togliere; il tappeto si indurisce soprattutto se la cosa dura nel tempo.

Come togliere la polvere
Usate un buon aspirapolvere tirando dal centro verso l'esterno, così non trascinate anche il tappeto. Ricordate di tenere il filtro in buono stato e di regolare l'aspirazione. A volte è possibile usare anche il battitappeto ma è consigliabile con tappeti nuovi, molto robusti e solidi. L'operazione va fatta a seconda dell'intensità di camminamento ma normalmente andrebbe fatta almeno 2 volte la settimana. La regola migliore è questa: aspirare di frequente ed in modo leggero. C'è chi consiglia la scopa di saggina ma a mio avviso non serve a nulla:sposta solo la polvere superficiale.
Gli angoli che si arricciano.
Stiratelo col vapore sul rovescio mettendo la pezza di cotone, come si fa con i vestiti, fate una leggera spruzzatina di appretto e con il vapore; asciugate bene e se necessario ripetete l’operazione.
I bordi si sono girati sotto
Rovesciatelo e fate la stessa operazione che abbiamo spiegato sopra per gli angoli. A volte ai bordi vengono applicate delle fasce di plastica per far sì che il tappeto non si giri e spesso le si trova già al momento dell’acquisto; questo sistema però crea un problema: lo spessore della fascia crea un leggero spessore che fa consumare di più il vello dove questa è applicata . Consigliamo di togliere queste fasce per evitare un’usura eccessiva lungo i bordi e stirarli se dovesse servire.
Per la "pulizia fai da te"
Ogni tre mesi, a seconda della posizione del tappeto, potete rinfrescarlo con acqua e aceto bianco usando la spazzola da bucato o un panno seguendo il verso di pelo. Questi lavori è meglio farli in una giornata di sole.

Un vero lavaggio.
Non pensate che quello che abbiamo detto poco fa sia pari ad un lavaggio professionale che è tutta un altra cosa : I TAPPETI DEVONO ESSERE LAVATI CIRCA OGNI DUE ANNI E CONTROLLATI SE NECESSITANO DI RESTAURI SE VOLETE CHE DURINO MOLTI ANNI.
Che tipo di lavaggio serve? A secco o ad acqua ?
C'è chi pensa che si lavino tutti allo stesso modo: completmente sbagliato. I metodi e gli accorgimenti da seguire sono diversi ed ovviamente in funzione del tipo di tappeto e del suo stato di conservazione: ci sono tappeti che non sopportano l'acqua e viceversa, mentre a volte è necessario sfruttare sia l'acqua che il secco. In tanti anni di lavaggio abbiamo capito una cosa indispensabile: se si vuol ottenere un ottimo risultato il tappeto deve poter essere tenuto sotto controllo durante ogni fase ed in ogni suo punto. Se ad esempio su un tappeto è stata messa una pianta con un vaso che perdeva acqua ( non avete idea di quanti casi abbiamo visto ) in quella zona sarà molto debole se non addirittura marcIo e si dovrà prestare molta attenzione; cosa che una macchina a rulli non può certo fare.

Il restauro
Molto spesso le persone portano il tappeto a a lavare e restaurare quando è ormai in condizioni pressoche disperate ed è la cosa più errata che si possa fare. Aspettare troppo è come portare l'auto a fare il tagliando quando il motore è fuso. Se al vostro tappeto viene fatta una manutenzione ed un controllo ogni due anni o almeno non aspettate che peggiori, spenderete molto meno denaro e sarà sempre in ottimo stato. Se invece aspetterete troppo è ovvio che vi costerà molto di più.

I NOSTRI CONSIGLI SONO FONDAMENTALI PER ALLUNGARE LA VITA DEI TUOI TAPPETI
Ma se hai un problema a cui non abbiamo risposto fin'ora scrivici o chiamaci allo 049 7800207