Accedi/Registrati    Contatti
Consigli sulla manutenzione

I NOSTRI CONSIGLI PER UNA BUONA MANUTENZIONE AI TUOI TAPPETI

Spesso l'uso scorretto di alcuni strumenti di pulizia o detergenti non appropriati procurano al tappeto danni irreparabili. Voglio darti alcuni consigli che altro non sono che le risposte a tutte le domande che i clienti ci pongono.

La lanugine sul tappeto appena acquistato.
Non spaventatevi, il tappeto è nuovo, ed è stato appena rasato: naturale che i primi tempi perda un po' di lanugine.
Se è di buona qualità sparirà in breve tempo. Se non lo è continuerà a perdere lanuggine per sempre. I tappeti fatti con cascame di lana riciclata danno questo risultato, ma se avete uno di questi dovreste aver speso molto poco (forse).

Se scorgete un filo volante... non strappatelo!
Mostratelo al vostro negoziante di fiducia, o meglio ancora contattateci, siamo sempre a vostra disposizione.

L'usura.
Ripartitela su tutta la superficie cambiando il verso del tappeto una o due volte l'anno. Mettete dei tondini di feltro sotto le gambe dei tavoli o dei mobili. Una sfoglia di compensato nel caso di marmo o pietra.

Le pieghe.
Arrotolate sempre il tappeto, non piegatelo mai per lunghi periodi.

Mobili sul tappeto
Non spostate il tappeto con sopra tavoli o mobili, si potrebbe strappare!

La cera.
Non incerate troppo la parte di pavimento sotto i tappeti.
L'eccesso di cera può rovinare il tappeto e sporcarlo più in fretta.
Il fango.

Per proteggere
Mettete uno zerbino all'uscio e un tappeto non delicato all'ingresso.

Il cane e il gatto
Fate attenzione che non rovinino il vostro tappeto con le unghie! Non solo, dovete fare molta attenzione anche alla pipì: l'urina macchia, brucia e disperde i colori e la lana, l'odore è notevole e molto difficile da togliere; il tappeto si indurisce soprattutto se la cosa dura nel tempo.

Come togliere la polvere
Usate un buon aspirapolvere tirando dal centro verso l'esterno, così non trascinate anche il tappeto. Ricordate di tenere il filtro in buono stato e di regolare l'aspirazione. A volte è possibile usare anche il battitappeto ma è consigliabile con tappeti nuovi, molto robusti e solidi. L'operazione va fatta a seconda dell'intensità di camminamento ma normalmente andrebbe fatta almeno 2 volte la settimana. La regola migliore è questa: aspirare di frequente ed in modo leggero. C'è chi consiglia la scopa di saggina ma a mio avviso non serve a nulla:sposta solo la polvere superficiale.

Gli angoli che si arricciano.
Stiratelo sul rovescio con una pezza in cotone, come si fa con i vestiti, fate una leggera spruzzatina di appretto e con il vapore; asciugate bene e se necessario ripetete l’operazione.

I bordi si sono girati sotto
Rovesciatelo e fate la stessa operazione che abbiamo spiegato sopra per gli angoli. A volte ai bordi vengono applicate delle fasce di plastica per far sì che il tappeto non si giri e spesso le si trova già al momento dell’acquisto; questo sistema però crea un problema: lo spessore della fascia crea un leggero spessore che fa consumare di più il vello dove questa è applicata . Consigliamo di togliere queste fasce per evitare un’usura eccessiva lungo i bordi e stirarli se dovesse servire.

Per la "pulizia fai da te"
Ogni tre mesi, a seconda della posizione del tappeto, potete rinfrescarlo con acqua e aceto bianco usando la spazzola da bucato o un panno seguendo il verso di pelo. Questi lavori è meglio farli in una giornata di sole.

Un vero lavaggio.
Non pensate che quello che abbiamo detto poco fa sia pari ad un lavaggio professionale che è tutta un altra cosa : I TAPPETI DEVONO ESSERE LAVATI CIRCA OGNI DUE ANNI E CONTROLLATI SE NECESSITANO DI RESTAURI SE VOLETE CHE DURINO MOLTI ANNI.

Che tipo di lavaggio serve? A secco o ad acqua ?
C'è chi pensa che si lavino tutti allo stesso modo: completmente sbagliato. I metodi e gli accorgimenti da seguire sono diversi ed ovviamente in funzione del tipo di tappeto e del suo stato di conservazione: ci sono tappeti che non sopportano l'acqua e viceversa, mentre a volte è necessario sfruttare sia l'acqua che il secco. In tanti anni di lavaggio abbiamo capito una cosa indispensabile: se si vuol ottenere un ottimo risultato il tappeto deve poter essere tenuto sotto controllo durante ogni fase ed in ogni suo punto. Se ad esempio su un tappeto è stata messa una pianta con un vaso che perdeva acqua ( non avete idea di quanti casi abbiamo visto ) in quella zona sarà molto debole se non addirittura marcIo e si dovrà prestare molta attenzione; cosa che una macchina a rulli non può certo fare.

Il restauro
Molto spesso le persone portano il tappeto a a lavare e restaurare quando è ormai in condizioni pressoche disperate ed è la cosa più errata che si possa fare. Aspettare troppo è come portare l'auto a fare il tagliando quando il motore è fuso. Se al vostro tappeto viene fatta una manutenzione ed un controllo ogni due anni o almeno non aspettate che peggiori, spenderete molto meno denaro e sarà sempre in ottimo stato. Se invece aspetterete troppo è ovvio che vi costerà molto di più.

RICORDATI CHE SONO FONDAMENTALI PER ALLUNGARE LA VITA DEI TAPPETI
Ma se hai un problema a cui non abbiamo risposto fin'ora scrivici o chiamaci allo 049 7800207