Supporto clienti + 39 049 7800207

Da Pashmina a Savonnerie

Pashmina o Pashm

Si tratta della lana che si ottiene dalle capre himalayane, in occidente chiamata cashmere. È chiamata così anche quella lana a fibra lunga ottenuta dalla tosatura di primavera di animali giovani.

Patchwork (tappeti in pelle)

È una lavorazione a patchwork che permette di ottenere il tappeto unendo quadrotti di pelle di varie dimensioni, solitamente di 10×10 cm e 20×20 cm, badando bene all’effetto cromatico nella composizione dei vari colori. Ai lati vi è applicato un bordo in pelle ed infine viene foderato, leggermente imbottito, nella parte sottostante per ottenere una finitura più raffinata del tappeto. Il risultato è quello di un tappeto di ottima qualità, molto caldo, adatto a molti arredamenti classici e moderni. Per la manutenzione ordinaria consigliamo di usare un buon aspirapolvere (non battitappeto) e di agire con molta grazia, almeno ogni tre giorni. Ecco un esempio dalla nostra collezione.

Patchwork Kilim della Turchia (tappeto)

È la nuova moda di realizzare tappeti in Kilim cucendo insieme pezzi da 50×50 cm, circa, di vecchi Kilim di varia provenienza, più che altro invecchiati artificialmente, mettendo sul retro una fodera in cotone come supporto. Vengono prodotti soprattutto in Turchia, Pakistan, india. Sono una tendenza di cattivo gusto e di scarsa durata. Non li riteniamo di grande qualità.

PECHINO ANTICO
PECHINO ANTICO – DETTAGLIO DELLA CORNICE

Pechino Antichi (tappeto)

Tappeti che venivano annodati da metà dell’ottocento nella città omonima da manifatture di corte. Venivano usate le lane cinesi morbidissime, pochi colori, soggetti alquanto sobri. Di solito hanno pochi disegni o alcuni simboli, oppure una griglia in tutto il campo con un medaglione rotondo al centro. Altre volte hanno una bordura semplicissima fatta di due righe con un drago o due bordure nel campo vuoto. Sono tappeti elegantissimi e sobri che reperire in vello oggi è sempre più arduo. Questo esemplare dell’Ottocento è presente nella nostra collezione.

TAPPETO CINESE ANTICO
TAPPETO CINESE ANTICO 170 X 93 140825963217
TAPPETO PECHINO ANTICO
TAPPETO PECHINO ANTICO 269 X 170 140700553870
TAPPETO CINESE ANTICO
TAPPETO CINESE ANTICO 185 X 115 140827359285
TAPPETO PECHINO ANTICO
TAPPETO PECHINO ANTICO 356 X 279 141228671379
PECHINO ANTICO
TAPPETO PECHINO ANTICO 243 X 196 140905066259
TAPPETO PECHINO
TAPPETO PECHINO ANTICO 203 X 124 141102937231

Pechino trattati Old Finish (tappeto)

Sono i tappeti prodotti negli utimi cinquant’anni che si avvicinano di più agli antichi Pechino. Oggi, con l’industrializzazione della Cina ed il conseguente abbandono delle manifatture, la qualità è peggiorata, il prezzo è cresciuto e cominciano a scarseggiare. Ecco un esempio.

Pelle intera (tappeto)

Nei colori naturali o tinta leopardo, tigre, zebra, ecc.. Sulle nostre pelli la concia viene effettuata con processo biodegradabile, non al cromo, nel rispetto delle normative USA e UE. Noi trattiamo i tappeti come pezzi unici, quindi la pelle che riceverete è solo ed unicamente questa: con questi soggetti, colori e tonalità. Questo per garantirvi che il prodotto che riceverete non sarà per nulla diverso da quello che avete visto. Ecco la categoria relativa ai tappeti in pelle e pelliccia.

Pelliccia (tappeto)

Li trovi in castorino flam e castorino rombo, visone, volpe, ecc..
Sono tappeti molto caldi, rigorosamente made in italy. Vengono prodotti artigianalmente solo su commissione, in qualsiasi misura e forma, per dare un effetto particolarmente lussuoso all’ambiente. Sono necessari circa due mesi per la realizzazione. Puoi ordinarlo anche con bordi perimetrali in cocco o pelle. Immagina se fosse nel tuo salotto in una fredda giornata invernale.Ecco la categoria relativa ai tappeti in pelle e pelliccia.

Peshawar (tappeto)

Come i tappeti Uzbek Kazak, sono nati per la richiesta di tappeti a soggetto geometrico ma più economici di quelli autentici del Caucaso.

Petag

Acronimo della società tedesca Persische Teppich Aktiengesellschaft che verso fine Ottocento aprì la filiale a Tabriz per produrre tappeti pregiati su commissione per l’Europa.

Tappeti Qashqai e Kashkuli

Possono essere considerati tra le più arcaiche forme di arte tessile persiana. Sono popolazioni nomadi di ceppo turco, originari dell’Azerbaijan i cui tappeti dai colori vivaci, annodati lana su lana, sono caratterizzati da decorazioni a medaglione kharchanghi, con minuti disegni geometrici nel campo. Lo spessore dei tappeti è di 5-6 mm . La loro produzione comprende anche Kilim, Mafrash e Gabbeh. Ecco un Kilim Qashqai.

QASHQAI KASHKULI ANTICO
RARISSIMO QASHQAI ANTICO, DETTAGLIO DEL TAPPETO 140000000551
QASHQAI KASHKULI
RARISSIMO QASHQAI ANTICO, DETTAGLIO DEL TAPPETO 140000000551

 Raj, Radj, Ghireh, Ghereh, Punzeh

Unità di misura persiana corrispondente a circa 7 cm, usata in Azerbaijan per definire la finezza del tappeto, ad esempio l’espressione 40, 50, 60, 70 raj o radj nei Tabriz identifica il numero di orditi presenti in un ghireh di larghezza.

Rehama (tappeto)

Zona molto grande a Nord-Est di Marrakesh che si caratterizza per l’uso dell’ordito in pelo di capra e il colore rosso/arancio per il fondo del tappeto. Le iconografie sono quelle tipiche delle tribù berbere: la losanga, i corsi dei fiumi, simboli antropomorfi.
Le testate sono solitamente fatte con Kilim anche abbastanza ampi e vi sono le frange su entrambi i lati (una rarità per i tappeti berberi). Un bell’esemplare nel nostro catalogo.

Robbia o Rubia tinctorum

Pianta comune in tutto l’oriente dalle cui radici si ricava l’alizarina, per ottenere un colorante rosso usato come tintura.

Ru-asbi

Coperta persiana per il cavallo.

Rudbar (tappeto)

Vengono prodotti nell’omonima località nelle vicinanze di Tafresh, in genere floreali stilizzati annodati con una buona qualità di lane e struttura in cotone, ma di modesto livello esecutivo, dai colori gradevoli usando spesso il rosa nel campo. Ecco un esempio.

Ru-olaghi

Coperta persiana in Kilim destinata all’asino.

Ru-zini

Chiamata anche ru-palani, è una coperta da sella.

Saff, Saph, Saf

Corsietta turca e del Turkestan occidentale di circa 200/250 x 70 cm, con diverse nicchie affiancate.

Salatchak (tappeto)

Nome dei tappeti turkmeni con i due angoli superiori molto smussati. C’è chi dice che sono tappeti da preghiera, altri per culla.

Samarcanda (tappeto)

È il nome della località dell’Uzbekistan un tempo importante centro commerciale sulla via della seta, dove si vendevano tappeti, soprattutto quelli annodati in Turkestan e per questo motivo venivano denominati erroneamente Samarkanda. Da tempo in Cina si annodano tappeti con soggetti che ricordano un po’ gli antichi Khotan e sono chiamati Samarkanda, ma sono di scarso valore e qualità. Questo è un vecchio Samarcanda del Turkestan.

Sarab Antico, Serab

Provincia situata nell’Azerbaijan orientale Iraniano, a 640 Km da Teheran, famosa per la montagna Sabalan, la terza più alta dell’Iran. I soggetti più frequenti dei tappeti Sarab sono geometrici ed i colori più usati sono il rosa antico, il beige, il marrone, il blu e l’azzurro. Questo esemplare è nel nostro catalogo.

Saruk: dal classico, Farahan, americano e Mohajeran Saruk (tappeto)

Antico villaggio ad una quarantina di chilometri a Nord di Sultanabad. Divenuto famoso per i tappeti annodati su commissione, per conto di importatori europei, soprattutto per il mercato americano a cavallo tra XIX e XX secolo. Sono tappeti floreali con una solida struttura in cotone, piuttosto eleganti e gradevoli nei colori, di solito a fondo salmone e fiori in blu-azzurro e viceversa, che ebbero notevole successo in quel periodo, fra le tipologie di tappeti che arrivavano in Occidente e negli Stati Uniti, tanto da essere chiamati “Saruk americani”. Tappeti simili, ma meno raffinati, venivano annodati a Moshkabad ed a Mahal. Mentre di qualità ottima è il Saruk Mohajeran dei primi del Novecento. Questo è uno splendido Saruk Farahan antico.

SARUK FERAHAN
SARUK FERAHAN ANTICO 148 X 97 140625840632
SARUK MOHAJERAN
SARUK MOHAJERAN ANTICO 388 X 290 141604140924
SARUK FERAHAN ANTICO
SARUK FERAHAN ANTICO 205 X 130 141503454993

Saveh Kilim (tappeto)

Manufatti tessuti nella città iraniana della regione del Markazi, dove si annodano tappeti tribali e Kilim. Fra le vecchie produzioni si può trovare ancora qualche esemplare di Kilim, con trame a stacco e curve, veramente bello. Questo vecchio Seveh Kilim fa parte della nostra collezione.

Savonnerie (tappeto)

I Tappeti Savonnerie hanno soggetti floreali e venivano tessuti nelle manifatture francesi del Seicento. Annodati col nodo turco oppure con la tecnica degli arazzi. Oggi, dei Tappeti Savonnerie, vengono fatte delle riproduzioni molto somiglianti in Cina ed in India chiamati Savonnerie. Sono tappeti comunque annodati con ottime lane, molto robusti con soggetto adattato agli attuali gusti occidentali. Questo è un Savonnerie fine.